Museo della seta - Mendicino
 
i proverbi
  acquaiolo ambulante
   
 

Trippa china canta, no cammisa janca.
Canta ed è felice chi ha la pancia piena, non chi ha la camicia bianca (cioè un bel vestito).

Lu buonu tiempu da matina para.
Il buon tempo si vede sin dal mattino, ossia da un buon inizio.

Lu tiempu conza tuttu.
Il trascorrere del tempo aggiusta le faccende e gli eventi.

Nun sapire chi pisci pigliare.
Non sapere quale decisione prendere o a quale partito affidarsi.

Lu pisce feta de la capu.
Quando ci sono problemi in un gruppo di persone la colpa è del capo.

L’abbitu nun fa  monacu e chirica nun fa prievite.
L’abito non fa il monaco e la tonsura non fa il prete.

Chine troppu ti prominta ti gabba.
Chi troppo ti promette, ti inganna facilmente.

Chini ti sapi, chjdggiu ti rapi.
Chi ti conosce ti ruba.

Figlia de gatta surice piglia. Quannu ra gatta surici nun piglia, a gatta n’udè o de gatta n’udè figlia.
Figlia di gatta prende sorci. Quando la gatta non prende sorci o non è gatta o non è figlia di gatta.

Chine troppu ti pruminta ti gabba.
Chi troppo promette inganna facilmente.

Tratta ccù i miegli de tie, facci e spise.
Tratta con persone migliori di te, e fa con loro le spese.

Lu miegliu vinu si fa acitu.
Il vino migliore diventa aceto.

Chine sparte ha ra meglia parte.
Chi fa le parti tiene per sé la parte migliore

Lu puorcu abbuttu arruozzula ru sciu.
Il maiale troppo sazio fa ruzzolare il truogolo.

Ogni jure è segnu d’amore.
Ogni fiore è segno d’amore.

Tratto da: Graziella Caputo Licursi, Mendicino paese dell’anima. Memoria e identità, Tipografia Di Giuseppe, Cosenza 2005. Pg 24, 25

 

Dammi sapìre, nu’ mmi duari avìre.
Alla ricchezza si  preferisce il sapere.

A figli, sculari e mugliera nun si mustra mai bona cera.
I figli, gli alunni e la propria moglie non vanno mai accontentati troppo.

U miedicu pietusu fa re chiaghe verminose.
Il medico pietoso non aiuta a guarire dalle malattie.

Chi vo, vada; chi nu’ vo, manna.
È sempre meglio far da sé che demandare ad altri.

A zirra de la sira stipala ‘ppe ra matina.
L’arrabiatura della sera conservala al mattino.

Chi te vo bene chiù da mamma de parabule t’inganna.
Nessuno al mondo ti vuole più bene della mamma.

Chi ti fa ciangere ti vo bene. Chi ti fa ridere ti vo male.
Chi ti fa piangere ti vuole bene, chi ti fa ridere ti vuole male.

Chi piecura si fa u lupu si la mangia.
Chi si fa pecora il lupo se lo mangia.

A stuppa cumu è filata i figli cumu su adggievati.
Come la stoppa deve essere ben filata così anche i figli devono essere ben educati.

A jume cittu nu jire a  piscare
A fiume silenzioso non andare a pescare. Le persone calme sono le più pericolose perché, come i fiumi, nascondo pericolosi vortici.

Cumu ti sa ru duce t’ha de sapire l’amaru
La vita è fatta sia di gioie che di dolori.

U suverchiu rumpa ru cuvierchiu.
Ogni eccesso nuoce.

Sarvati de mangiare non de faticare
Evita di spendere non evitare di lavorare.

A Santa Caterina chiante rose e spine.
Il giorno di Santa Caterina, in novembre, si piantano le rose e altri fiori.

Chine è cuottu dell’acqua cavuda, de la fridda s’nne spagna.
Chi ha avuto scottature, delusioni si spaventa anche dell’acqua fredda.

Fino ara bara sempre si ‘mpara
Fino alla bara sempre s'impara.

Zappatine de fimmina e siminatina de vacca amaru a chira terra chi cci ‘ncappa.
Zappate di femmina e aratura di vacca, amara la terra che v'incappa. Secondo il detto le donne non sono adatte alla zappa, come le mucche non lo sono per l’aratro.

Tratto da: Raffaele Greco, Mendicino. Storia, leggenda folklore, Padova 1959.  Pg.93 – 106.

 

In nome du Duce
A panza si riduce
A sira senza luce
A matina con l’aeroplano
Scavuzi culi nudi e morti e fame.

In nome del Duce
La pancia si riduce
La sera senza luce
La mattina con l’aeroplano
Scalzi culi nudi e morti di fame

Detto antifascista - futurista, intervista a Lucia Brandi, Mendicino, 13/11/2007.

 

Rende (CS), al lavoro nei campi

 

home home